7 come 7Times

7 come 7Times

Atene

7Times, questo il nome del locale dove Arturo, il cameriere, appena entriamo ci porta lo shisha e una pseudo bevanda calda alcolica, diventati abitudinari dopo aver varcato la soglia per più di quattro volte, quindi io e l’ormai fedelissimo compagno di viaggi, prendiamo posto sul nostro divano.

Giovedì sera, il posto è quasi vuoto, due divanetti più in là una coppia si muove a tempo di musica, tanto da fare un brindisi al cielo e un segno del capo verso di noi.

Tra una canzone e l’altra, iniziamo a chiacchierare, arrivano dal Canada e quello è l’ultimo giorno di permanenza ad Atene per loro, lei ha un maneggio e lui è un soldato, con grande sorpresa ci dicono che lei ripartirà da sola il giorno dopo, perché lui è diretto in Iraq.

Tutti e quattro ci ritroviamo in mezzo ad una pista da ballo deserta, Arturo, ormai con intervalli sempre più brevi, ci porta vassoi di shottini, la serata per noi è decollata, non ricordo come, ma ci siamo messi a trascinare la gente al centro del locale, tra le varie luci colorate, finalmente tante gambe si lasciano trasportare dal ritmo.

Una volta tornati al tavolo, mi accorgo che Dylan mi guarda curioso mentre fumo dallo shisha, scopro che non aveva mai provato a fumarlo, ovviamente non perdo tempo e lo invito ad unirsi a me.

Mentre gli uomini si perdono tra i fumi dello shisha, spingo Kalia in pista, poi anche loro ci raggiungono e dopo qualche ora, siamo ancora lì, con il locale pieno e la testa libera da penseri.

Succede così che, per sempre, mi chiederò che fine ha fatto quel ragazzo e se davvero quella ragazza ha avuto il coraggio di veder andare via l’amore della sua vita, per l’ennesima volta, senza sapere se mai farà ritorno.

Una cosa è certa, indelebile è il ricordo di quella serata, come la consapevolezza di aver trasformato una serata malinconica in qualcosa che, anche se solo per qualche ora, ci ha fatto condividere risate e momenti stupendi con persone che altrimenti mai avremmo incontrato.

@merypellizzi

Commento
  1. È sempre piacevole riscoprire la genuinità delle persone, dove basta poco per rendere una serata indimenticabile.
    Bello leggerti e bello vedere il lato umano in ogni tua storia.
    Spero tanto che questi due ragazzi stiano continuando ad amarsi e a viversi.

    Attendo il prossimo racconto! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *